Volkswagen Polo TGI, la prova della compatta a metano

0
SHARE

Nonostante si parli sempre più di alimentazione elettrica o ibrida, in Volkswagen hanno deciso di puntare sul metano; la nostra Polo, dotata del propulsore 1.0 a tre cilindri è la risposta della casa tedesca per una mobilita sostenibile.Alla guida la nuova Polo TGI dimostra di essere a suo agio con l’alimentazione a metano, che si inserisce da subito e non c’è la possibilità di escluderla, a meno che non restiate a secco, in questo caso nessuna paura, subentra la benzina, ma ricordate di avere sempre una minima scorta.
Il 1000 a tre cilindri propone una buona elasticità, anche se in partenza da freddo e con il solo metano, i primi giri sono un poco pigri. Ma dopo qualche metro rientra tutto sotto il pieno controllo e le prestazioni risultano brillanti.
La TGI pesa 115 kg in più, a causa del bombolone in acciaio, che a differenza di quello in materiale composito di golf, guadagna in capienza.
La coppia di 160 Nm a 1900, permettono alla Polo di avere uno spunto buono, inoltre sia la velocità che la ripresa non soffrono con il metano, infatti la velocità di punta e di 184 km/h e per passare da 0 a 100 servono 12 secondi netti.

Il cambio è un meccanico a 5 rapporti sempre pronto e con innesti precisi.
Ma il vero vantaggio sta nel costo di gestione, infatti con un pieno di metano si spendono circa 10€ e si possono percorrere ben 390km, andando a benzina i consumi sono rispettivamente di 6.3 litri per 100km nel ciclo urbano, 4.1 nell’extraurbano e 4.9 nel misto.

Il prezzo della nostra Polo TGI è di €18.500 in allestimento Confortline, che risulta particolarmente completo anche dell’infotainment da 8 pollici, ma senza navigatore che può essere utilizzato grazie alle app, con la possibilità di connettere e condividere dati con lo smart phone, ma per conoscere l’intera gamma di Polo, vi invito a cliccare “configura”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here