Primo esodo estivo: tornano i super tutor

0
SHARE

Arrivano sulle tratte di alta percorrenza i nuovi sistemi di rilevamento della velocità.

A partire dal primo di Agosto, su 22 tratte autostradali considerate le più trafficate d’Italia, saranno attivi i nuovi sistemi tutor capaci di rilevare sia la velocità massima, che quella media.

Nei giorni scorsi era stata divulgata la notizia che i vecchi sistemi tutor non erano compatibili con le normative in vigore, pertanto giudicati non conformi; ma adesso, con i nuovi dispositivi, tutto cambia e chiaramente, per gli indisciplinati, la vita diventa più complessa.

Va detto che, negli ultimi anni, le autostrade sono diventate un campo di battaglia dove spesso i possessori di auto prestazionali si sentono in diritto di sfoggiare la propria cavalleria come se nel prezzo di acquisto vi fosse anche un salvacondotto, ma, giustamente, le norme della strada valgono in egual maniera sia per chi ha un’utilitaria o per chi ha la possibilità di acquistare una supercar.

I nuovi dispositivi tutor vanno visti come un deterrente verso i soggetti che mettono a rischio la propria vita e quella degli altri con comportamenti irresponsabili e pericolosi. Mancano ancora molti anni affinché la guida autonoma metta fine, in via definitiva, a chi scambia l’autostrada con un circuito, nel frattempo metodi che assicurano, attraverso sanzioni, il rispetto delle norme sono sempre ben visti, salvo che questi siano intesi come metodi di sicurezza e non sotterfugi per creare facile cassa; in questo caso non vi è dubbio che basti rispettare i limiti per essere sereni.

Ovviamente, un appunto va fatto anche su chi utilizza i tratti autostradali in maniera sbagliata, mi rivolgo a chi percorre a velocità particolarmente basse e a chi utilizza le corsie centrali o di sorpasso quando questo non è necessario creando inutile intralcio al traffico: anche per questi automobilisti andrebbe in qualche modo creato un sistema dissuasivo adatto.

Detto ciò, in questi esodi estivi, bisogna sempre ricordarsi che la nostra meta vacanziera ci attende anche se arriviamo un po’ in ritardo a causa del traffico, cosa diversa se, per guadagnare qualche minuto, mettiamo a rischio la nostra incolumità e quella altrui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here