Fiat Tipo S-Design Test Drive all’Autodromo di Franciacorta

373
0
SHARE

Abbiamo deciso di girare un test drive alquanto particolare, poiché la vettura che abbiamo portato all’Autodromo di Franciacorta non è prettamente un veicolo sportivo; infatti si tratta della nuova Fiat Tipo dotata dell’allestimento S-Design che la arricchisce, sia nei contenuti che nello stile, strizzando l’occhio al mondo delle competizioni, ma restando fedele alla sua innata vocazione famigliare.

L’allestimento S-Design si presenta con una serie di accorgimenti che ne arricchiscono la linea, partendo dai bellissimi cerchi in lega da 18″. Il look total black, che sostituisce le cromature, offre una sensazione molto esclusiva. I proiettori anteriori, dotati di tecnologia bixenon e led (per quanto concerne le luci diurne), aumentano sensibilmente la sicurezza, grazie ad un fascio luminoso di grande intensità. Nell’abitacolo troviamo i nuovi sedili foderati in misto pelle/materiale tecnico, che sono rifiniti con cura; anche la dotazione di sicurezza giova di questo allestimento, infatti troviamo la frenata di emergenza, il cruise control adattivo, oltre al nuovo sistema multimediale Uconnect con schermo capacitivo da 7″ completo di navigatore Tom Tom, radio digitale DAB e la possibilità di connettere lo smartphone per condividerne musica, contatti, app e contenuti. Infine, la retrocamera posteriore propone finalmente una visuale ampia, ma non in alta definizione.

La Tipo, chiaramente, non è una vettura da competizione ed averla portata in pista vuol dimostrare che, con pochi accorgimenti, anche un’auto tipicamente da famiglia può cavarsela con disinvoltura persino schiacciando un po’ il pedale dell’acceleratore.

I cerchi da 18 hanno un compito non solo estetico, ma, grazie alla generose coperture, riescono ad offrire una tenuta sorprendente. Anche le sospensioni riescono ad accompagnare in piena sicurezza la vettura nelle curve più estreme.

Il retrotreno tende ad alzarsi un po’ troppo, questo dovuto all’assetto non proprio corsaiolo, ma, tutto sommato, si dimostra divertente, del resto, con il controllo elettronico di trazione, anche esagerare un po’ diventa facile per chiunque.

I freni, dotati di 4 dischi ben proporzionati, si sono rivelati ottimi, con spazi di arresto contenuti ed un beccheggio minimo.

Per quanto riguarda il motore, 1.6 MultiJet, spinge bene, con un’accelerazione buona ed una coppia di 320 Nm che parte già a 1.750 giri, ma, purtroppo, il limitatore smorza un poco le passioni. La velocità massima è di 200km/h, mentre, per passare da 0 a 100 servono 9,7s.

I consumi sono rispettivamente di 4,4l per 100km in tratto urbano, 3,3 nell’extraurbano e 3,7 nel misto, ma, chiaramente, questo dato è stato fortemente alterato dall’utilizzo che abbiamo fatto in autodromo.

In sintesi la nostra prova è stata un poco particolare per il tipo di vettura, ma si sa che, nelle condizioni estreme, si riescono a testare meglio le reali virtù del mezzo e la Tipo non ha tradito, anzi, senza tanti complimenti, potrebbe essere in grado di dare del filo da torcere a vetture ben più blasonate e costose.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here