DS7 CrossBack, la prova della suv exclusive d’oltralpe

83
0
SHARE

Siamo andati tra le valli del Trentino per testare la nostra DS7 CrossBack 1.5 da 130cv, una vettura unica nel suo genere, con uno stile inconfondibilmente DS, grazie ai numerosi dettagli che la impreziosiscono, quali il grande logo posto al centro della mascherina frontale e gli inediti fari ad illuminazione full Led che, all’accensione, roteano, uno a uno, creando così un’effetto prisma. 

Gli interni sono spaziosi e possono ospitare comodamente 5 passeggeri, ciascuno con il proprio sedile regolabile elettronicamente tramite i comodi pulsanti.

La plancia offre uno quadro strumenti completamente digitale, in grado di offrire al guidatore tutte le informazioni necessarie riguardanti la guida, mentre il sistema multimediale presenta un grande schermo capacitivo da 12″, irrorato dai tasti, a loro volta touch, per la regolazione del clima. Purtroppo, questa digitalizzazione generale non rende troppo intuitivo il primo utilizzo, dato che anche la manovella per il volume audio è presente in una forma moderna, ma assai inconsueta.
Inoltre è da segnalare l’inedito cronografo di BRM posto al centro della plancia, che da alla DS7 quel tocco di classe in più.

Le prestazioni sono veramente buone per un veicolo della sua stazza, che si è dimostrato veramente dinamico, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 11,7 ed uno spazio di frenata molto contenuto, peccato però per il cambio manuale, forse non troppo adatto per una vettura del genere, infatti, ne avremmo preferito uno automatico.

Nel complesso questa DS7 si è dimostrata una vettura veramente valida, comoda da guidare e anche da vivere nelle vesti di semplice passeggero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here