Cupra Ateca: recensione e opinioni sul SUV sportivo da 300 CV (Video)

98
0

Cupra, fusione dei termini CUP e RACING. Lo abbiamo visto per anni affiancare il marchio Seat ma dal 2018 i vertici hanno deciso che questa condizione di semplice allestimento sportiva non fosse abbastanza. Cupra è diventato un marchio a sé stante, sempre sportivo ma con un carattere più marcato, quasi esotico.

Un marchio nuovo, con una sua identità ben definita, caratterizzato da un’immagine coordinata che unisce i colori bianco, blu jeans e rame per rafforzare la propria presenza nel settore dei brand sportivi. E se il logo, il sito e i canali social sono specifici, i canali di distribuzione sfrutteranno la rete Seat, con 260 concessionari selezionati in tutta Europa.

Il primo modello a beneficiare del nuovo brand è il SUV Ateca. Cupra Ateca è il primo C-SUV non premium a offrire una variante sportiva vera, e si distingue dalla variante Seat per diversi accorgimenti estetici e soprattutto meccanici. Scopriamolo nella nostra recensione completa di Cupra Ateca

CUPRA ATECA: DESIGN ESOTICO, INTERNI RACING

Fuori, Cupra Ateca assume un aspetto decisamente cattivo: nuova griglia a nido d’ape, per i paraurti “gonfiati”, i dettagli in nero lucido, per i cerchi in lega da 19 pollici diamantati e per i quattro terminali di scarico cromati. Non mancano le tinte dedicate, tra cui il Nevada White. Il logo ramato, di ispirazione tribale, esprime dinamismo e offre un piacevole contrasto cromatico.

Lo spirito racing si ritrova anche nell’abitacolo, dove abbondano i rivestimenti in Alcantara per plancia e pannelli porta, il logo Cupra retroilluminato sul battitacco in alluminio, i sedili in Alcantara neri con cuciture grigie e un effetto fibra di carbonio per i fianchetti. Le finiture sono di buon livello, con plastiche morbide nella parte alta della plancia. Di difetti gravi non ce ne sono, se non altro il fatto che questa vettura derivi da un’auto presentata nell’ormai lontano 2016 la rende un po’ datata nel design della plancia.

CUPRA ATECA: TECNOLOGIA E INTERNI

Assolutamente al passo coi tempi è invece la tecnologia: schermo touch da 8 pollici, ormai una certezza nel gruppo Volkswagen con navigatore, retrocamera a 360 gradi e compatibilità apple carplay e android auto , sistema di ricarica wireless, e strumentazione digitale Digital Cockpit con personalizzazione sportiva, con diverse grafiche e la possibilità di mostrare la mappa del navigatore a tutto schermo.

I sedili sono sportivi ma non estremi (per quello ci sono i sedili a guscio optional) e lo spazio è esattamente lo stesso di una Seat Ateca, vale a dire decisamente buono in rapporto alle dimensioni esterne. Parliamo di una lunghezza di 4.37 m, una larghezza di 1.84 m, un’altezza di 1,61 m e un passo di 2.63 m, mentre il bagagliaio misura 485 litri e si può ampliare ulteriormente abbattendo gli schienali 60/40.

Fin qui sembra il classico SUV da famiglia con qualche tratto sportivo come piace agli automobilisti italiani. I numeri più interessanti li troviamo però sotto al cofano: il nuovo propulsore 2.0 TSI da 300 CV. Ma basta un grande motore a rendere sportivo un SUV?

MOTORE: COME LEON CUPRA, MA CON PIÙ COPPIA

Beh, partiamo dal fatto che è lo stesso motore di Seat Leon Cupra, con la stessa potenza e addirittura più coppia, con 400 Nm. Ecco, a questo aggiungeteci il cambio a doppia frizione DSG a 7 rapporti, una trasmissione pensata per offrire cambiate veloci quando si va forte e un funzionamento fluido ed efficiente nella marcia in souplesse.

Il risultato è un’accoppiamento motore/cambio esemplare: il motore spinge sempre con grande vigore ed il bello è che può essere sia cattivo se scegliamo la modalità di guida Cupra, con un calcio sulla schiena notevole, sia dolce e fluido se ci mettiamo in modalità Normal. Il cambio lo asseconda in ogni situazione, risultando una delle migliori unità sul mercato delle auto sportive.

Ma parliamo pur sempre di un SUV e pur sempre di una vettura che nasce a trazione anteriore: qui ci viene in aiuto la trazione integrale 4DRIVE, che analizza le condizioni della strada in tempo reale per fornire la giusta potenza alle giuste ruote. Il sottosterzo è ridotto e a volte è possibile avere una preponderanza di trazione alle ruote posteriori. Insomma, la taratura è sportiva il divertimento è assicurato, nonostante i 1.540 kg di peso e l’altezza elevata. Certo, con le 6 le modalità di guida preimpostate, che interessano trazione, motore e anche la risposta delle sospensioni adattive a controllo elettronico, è facile passare da un’auto più tranquilla ad una bestiolina molto arrabbiata. Le modalità sono Normal, Sport, Individual, Snow, Off-Road e CUPRA.

Con queste premesse, il nuovo Cupra Ateca scatta da 0 a 100 in soli 5,2 secondi, con una velocità massima di 247 km/h. E tra l’altro come canta questo motore: il bello è che non ci sono diavolerie strane come le casse per amplificare il sound: quello che sentite è esclusivamente opera del sistema di scarico, e che gran bel sound aggiungerei.

Lo sterzo è diretto ma non precisissimo, parliamo pur sempre di un SUV, mentre le sospensioni si dimostrano sempre adeguate, con un assorbimento variabile in base alle modalità di guida e una risposta sempre di qualità grazie al multilink posteriore. I freni, con dischi Brembo di grandi dimensioni, dimostrano un’ottima resistenza anche sotto sforzo.

Capitolo consumi: beh, chi compra un SUV sportivo da 300 CV avrà altro a cui pensare, eppure nella nostra prova i dati sono stati rassicuranti: con uno stile di guida misto, senza risparmiarsi qualche soddisfacente accelerazione, la media rilevata dal computer di bordo è stata di circa 9 litri/100 km, molto vicino al dato dichiarato e adeguato al livello di prestazioni.

Il pacchetto Performance Pack, optional, offre freni sportivi Brembo da 18 pollici, mentre il Carbon Fibre Exterior Pack prevede rivestimenti in fibra di carbonio sullo spoiler posteriore e gli specchietti retrovisori esterni. Il Carbon Fibre Interior Pack, infine, è composto da plancia ad effetto fibra di carbonio e sedili in pelle.

CUPRA ATECA: PREZZI E DOTAZIONE

La dotazione di serie di Cupra Ateca, già preordinabile in Italia ad un prezzo di 45.315 euro, è piuttosto ricca. Del resto, la strategia Cupra prevede un posizionamento premium. Premium è sicuramente la caratura di alcuni accessori che troviamo di serie, come la strumentazione digitale configurabile, il sistema di navigazione Plus con schermo touch da 8 pollici, il sistema di apertura e accensione senza chiave Kessy, il Connectivity box, la telecamera Top View, la regolazione adattiva dell’assetto (DCC), il Park Assist e i cerchi in lega da 19 pollici. E ancora, di serie la sicurezza attiva, con il Front Assist con sistema di rilevamento pedoni e il Lane Assist, oltre al confort del Climatronic bi-zona, dei fari full LED con abbaglianti automatici e del freno di stazionamento elettrico.

Due le note negative, che non dipendono da Cupra: il superbollo (1.300 euro all’anno) e l’Ecotassa (1.100 euro in più al momento dell’acquisto). 

CONFIGURATORE CUPRA ATECA

Che ne pensate di Cupra Ateca? Fatecelo sapere nei commenti! E non dimenticatevi di seguirci anche sui nostri canali social, su Facebook e Instagram, di scriverci via SMS o Whatsapp al numero 3515680441 per qualsiasi domanda e di non perdervi le puntate di ShowcarTV in tutta Italia.

Foto di @franciacortasupercars

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here