Seggiolini, è legge l’obbligo dei dispositivi anti abbandono

34
0

Dopo il via libera del Consiglio di Stato degli scorsi giorni, diventa legge il decreto che regola l’obbligo di installazione dei dispositivi anti abbandono sui seggiolini per i bambini.

Decreto attuativo dell’articolo 172 del Nuovo codice della strada per prevenire l’abbandono di bambini nei veicoli.

Il decreto è stato firmato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli: l’obbligo sarà operativo non appena il decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. 

Si tratta del passaggio conclusivo di una legge – inizialmente proposta da Fratelli d’Italia e fortemente voluta dall’ex Ministro dei Trasporti Toninelli – approvata dal Parlamento con il voto favorevole di tutti i gruppi politici.

Successivamente è arrivato l’ok dalla Commissione Europea e quello del Consiglio di Stato, che aveva tuttavia richiesto ai gruppi di lavoro di chiarire alcune incongruenze che avrebbero portato a incomprensioni da parte delle aziende che dovranno recepire la legge, nonché degli stessi consumatori.Oggi tutto è un po’ più chiaro: l’obbligo di installazione dei dispositivi anti abbandono varrà per tutti i seggiolini che trasporteranno bambini di età inferiore ai 4 anni.

Chi volesse mettersi in regola può seguire due strade: o acquistare uno dei nuovi seggiolini con dispositivi anti abbandono oppure integrare il proprio seggiolino con degli apparati anti abbandono. In ogni caso, tali dispositivi dialogano con lo smartphone del genitore/conducente, inviando una notifica quando il sistema rileva che lo smartphone si è allontanato e sul seggiolino è ancora presente il bambino.

In considerazione dell’importanza di questi dispositivi, volti a scongiurare eventi tragici come quelli accaduti negli ultimi anni, sono allo studio le modalità per attuare l’agevolazione fiscale prevista per favorirne l’acquisto ed incrementare le relative risorse.

Al momento non si conoscono ancora i dettagli di questi incentivi, vi è invece la certezza per quanto riguarda le sanzioni per chi non risulterà in regola: da 81 a 326 euro e possibilità di ritiro della patente in caso di recidiva. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here